Comunicati stampa

EDITORIA: M5S VUOLE AZZITTIRE STAMPA E INIZIA DALLE MINORANZE LINGUISTICHE

22-11-2018

 

“Il M5S vuole azzittire la stampa per avere strada libera nel suo piano di graduale smantellamento del nostro sistema democratico. Siamo davanti a un attacco grave nei confronti della libertà di stampa e delle minoranze linguistiche”. Lo afferma l’eurodeputata del Pd Isabella De Monte, commentando l’emendamento alla legge di Stabilità presentato dal vicepresidente del gruppo M5S alla Camera Adriano Varrica, che riduce drasticamente i fondi per l’editoria, provocando di fatto un colpo mortale per i giornali della comunità slovena in Italia, come il Primorski Dnevnik, il Novi Glas, il Novi Matajur, ma anche per la Voce del Popolo di Fiume e, in Alto Adige, per il Dolomiten.

 

Secondo De Monte, che sul tema organizzerà martedì prossimo a Bruxelles un evento con il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, i vertici nazionali dell’Ordine dei giornalisti e della Fnsi, e della Federazione europea della stampa, “i grillini hanno un disegno chiaro, che ci ricorda tempi cupi: azzittire qualsiasi forma di dissenso, di critica e di controllo del proprio operato al governo. Lo fanno infilando tra le pieghe della legge di bilancio un emendamento antidemocratico e punitivo nei confronti della stampa libera e delle minoranze linguistiche, che sono preziose e cui la stessa Ue riconosce un ruolo importante in quella che vorremmo tutti fosse una vera e propria Europa dei popoli”.