Comunicati stampa

SLOVENI: TUTELARE E UNIRE COMUNITA’ SIA IMPEGNO COSTANTE

9-3-2019

«La comunità slovena è protagonista nella vita economica e culturale del Friuli Venezia Giulia, regione che ha nella vocazione europeista e nelle relazioni internazionali i suoi assi portanti. Tutelare, ascoltare e unire le comunità deve essere un impegno costante e irrinunciabile». Lo ha detto oggi a Trieste Isabella De Monte, durante il suo intervento al Kulturni dom di via Petronio in occasione del 27esimo congresso regionale della Slovenska kulturnogospodarska zveza (Unione culturale economica slovena), organizzazione rappresentative degli sloveni in Italia che conta oltre 200 associazioni, organizzazioni e circoli associati, che rinnova i suoi vertici.

Secondo De Monte, che ha ringraziato il presidente uscente Rudi Pavšič per il suo lungo impegno ai vertici dell’organizzazione, «dobbiamo guardare al futuro con ottimismo, nel quadro della feconda collaborazione esistente tra Italia e Slovenia in tutti gli aspetti della vita sociale, culturale e produttiva che legano i nostri Paesi e i nostri popoli. Molto è stato fatto negli anni passati per giungere a un livello eccellente di dialogo e cooperazione, che richiedono, anzitutto da parte di chi ricopre incarichi istituzionali e politici di rilievo, equilibrio e correttezza, oltre che attenzione e scelte concrete».

«In questi anni al Parlamento europeo – ha sottolineato De Monte – mi sono impegnata per la valorizzazione delle lingue minoritarie e la tutela dell’informazione delle comunità linguistiche, perché il tema è di cruciale importanza: la voce dei popoli non può essere censurata e necessita di una precisa attenzione da parte della politica, che deve scegliere di stare al fianco di tutte le sue comunità. C’è ancora lavoro da fare sul tema, a partire dall’approvazione della Carta europea delle lingue minoritarie, che attende di essere ratificata dal 1998».